Print this page
Giovedì, 11 Dicembre 2014 13:26

Semidivino: il tartufo si trasforma in arte da gustare Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Interno enoteca SemidivinoSemidivno è un locale che fino al 2005 era gestito da due somelier di altissimo livello che lo hanno portato a essere uno dei più rinomati della zona e che a oggi, nonostante un breve periodo di chiusura, vanta, grazie al duro lavoro dei nuovi titolari, clienti fideilizzati e un gran numero di recensioni positive da parte degli esperti di settore grazie alla qualità dei suoi prodotti.

Un'atmosfera calda e retrò caratterizzano un piccolo ma accogliente bistrot sito tra Piazza Fiume e Corso Trieste. Quella dei Coccia è una di quelle famiglie dedite all'imprenditoria ma soprattutto al servizio; Semidivno è un locale che fino al 2005 era gestito da due somelier di altissimo livello che lo hanno portato a essere uno dei più rinomati della zona e che a oggi, nonostante un breve periodo di chiusura, vanta, grazie al duro lavoro dei nuovi titolari, clienti fideilizzati e un gran numero di recensioni positive da parte degli esperti di settore grazie alla qualità dei suoi prodotti.

Per le sue caratteristiche uniche, Semidivino, è una Bottega Storica che dal 1929, quando vendeva vini e oli, ha conservato tutt'oggi il suo fascino. Entrando si sente profumo di storia e la vista evidenzia quel tipo di eleganza che resta perpetua negli anni. Il pavimento tipico dell'epoca, alla veneziana; il bancone in granito rosso e le boiseries che rivestono le pareti arricchite dai vini bianchi e rossi, dai numerosi champagne e distillati, tutti di provenienza italiana, rendono il ristorante-enoteca un felice salto nel passato.

L'immagine eterea di questa enoteca è seconda solo alla cucina della signora Anna, classica grazie ai suoi piatti tradizionali romani e umbri, valorizzati dal pregiato e selezionato tartufo nero di Norcia, dai salumi artigianali di diverse regioni italiane, dai prosciutti e dai numerosi tipi di formaggi (oltre quaranta).

Semidivino si trova in Via Alessandria 230, in uno dei quartieri più belli e veri di Roma, dove la gente non torna solo a dormire ma vive in ogni ora del giorno e della notte. Uno di quei posti, piegati sì dalla crisi, i negozi sfitti ne sono la prova ma dove senza alcun dubbio si assapora l'attimo in tutte le sue sfaccettature.

Luca Bagaglini

Read 1388 times Last modified on Giovedì, 11 Dicembre 2014 16:20
Login to post comments